Marginalia

Reseña de Concha Fernández Soto, ed., Sillas en la frontera. Mujer, teatro y migraciones


Abstract


Il volume è un'antologia che raccoglie ventidue piezas breves di drammaturghe contemporanee. Tutte trattano il tema della 'frontiera', dell'attesa, simboleggiato dall'immagine delle Sillas che compare nel titolo. Queste opere rimandano all'idea di 'limite' e di 'limitazione', che sfocia spesso nella disperazione, nella paura ma anche nella speranza. La peculiare prospettiva dalla quale viene indagato il concetto di 'frontiera', qui studiato nella sua molteplicità e polisemia, riflette la costruzione realizzata dal patriarcato per reificare la differenza/contrapposizione tra normalità e/o legalità definita e imposta da un 'Io' detentore del potere. Oltre a ciò, il concetto stesso di frontiera implica la legittimazione dell'esclusione arbitraria  dell'Altro, che ha prodotto la contraposizione tra un chimerico e inquietante 'Noi' e un 'Loro' costretto in una visione squalificante e subordinata.

Full Text

pp. xxi-xxiv; PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.13135/1594-378X/3500

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2019 Veronica Orazi

 Índices de los números publicados                                                                  

  

                   

 
Indexada en LATINDEX                          Ficha en
                                                   
Integrada en / Harvested by                
                                      
Plataforma Open Access de Revistas
Científicas Españolas y Latinoamericanas