Ricercari

De modo figurandi notulas: cenni di canto fratto nel quattrocentesco Liber Musices di Florentius


Abstract


Il Liber Musices (Milano, Biblioteca Trivulziana - Ms. 2146) è un trattato di teoria musicale redatto tra il 1484 e il 1492 da un Florentius musicus su richiesta del cardinale Ascanio Maria Sforza, fratello di Ludovico il Moro signore di Milano. Questo trattato rivela l’adesione a principi dottrinali riferibili in gran parte a nomi più o meno noti del panorama trattatistico spagnolo, fra cui, in particolare, Abbas Populeti identificabile in Blas Romero, giunto a Napoli al seguito di Alfonso d’Aragona e ufficialmente insediato nella cappella musicale dei reali partenopei. Nel capitolo XV del Liber Musices è esposta la teoria di Romero circa l’esecuzione mensurale del canto liturgico e, in particolare, fornisce una serie di inedite (e sintetiche) prescrizioni pratiche per associare il ritmo musicale alla metrica testuale. Si tratta di una descrizione che, nonostante la brevità e il taglio manualistico del volume, manifesta apertamente l’adesione di Florentius all’esecuzione ritmica del canto liturgico, ossia al cosiddetto canto fratto.

De modo figurandi notulas: Hints of Cantus Fractus in XVth Century Liber Musices of Florentius
The Liber Musices (Milan, Biblioteca Trivulziana - Ms.2146) is a musical treatise written between1484 and1492 by a Florentius musicus under request of the Cardinal Ascanio Maria Sforza, brother of Ludovico il Moro Lord of Milan. This treatise reveals the adherence to doctrinal principles relating mostlyt o more or less well-known Spanish authors of theoretical writings including, in particular, Abbas Populeti identifiable in Blas Romero, a musician arrived in Naples with Alfonso of Aragon and officially installed in the Neapolitan chapel royal.Chapter XV of the Liber Musices exposes Romero’s theory of the mensural performance of plainchant and in particular it gives a series of inedited (and concise) practical prescriptions in order to explain how to underlay the words to the music. Despite the briefness and the handbook style of the volume, the Liber Musices openly testifies to Florentius’s adhesion to the rhythmic performance of plainchant, the so-called cantus fractus.


Full Text

PDF

Metriche dell'articolo

Caricamento metriche ...

Metrics powered by PLOS ALM

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c)


Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

ISSN  2240-7944