Si verum dicimus, haec est mea germana patria (Cic. leg. 2, 3)

  • Leopoldo Gamberale “Sapienza” – Università di Roma

Abstract

 This paper offers a rereading of the “setting” of De legibus, in the countryside near the house where Cicero was born. In particular, it focuses on the beginning of Book II (§§ 1-7), with the goal of re-examining the praise of his birthplace and the problem of having “two homelands”, unam naturae, alteram civitatis, or, as well, alteram loci patriam, alteram iuris (leg. 2, 5). Cicero’s reflections in De legibus 2, 1-7 turn out to be potentially relevant for our contemporary world and its globalization, in which we must confront large-scale immigration issues, reconsider difficulties of citizenship, and deal with ideas of national sovereignty and regional feelings in an ongoing fashion.

Downloads

Download data is not yet available.

Author Biography

Leopoldo Gamberale, “Sapienza” – Università di Roma

Leopoldo Gamberale (leopoldo.gamberale@uniroma1.it), allievo di Scevola Mariotti, ordinario di Letteratura latina dal 1976 al 2012, ha insegnato nelle Università di Bari, Napoli (Orientale), “Sapienza” – Università di Roma (ora professore emerito). Oltre che di Cicerone si è occupato soprattutto di traduzione, di poesia latina (antica e moderna), di storia della filologia classica romana e tardoantica. È membro dell’Accademia dell’Arcadia, dell’Accademia Olimpica di Vicenza, dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, è stato vicepresidente del Centro di Studi Ciceroniani; è direttore responsabile della rivista «Rationes rerum. Rivista di filologia e storia».

Published
2020-12-30