Focus e ambito

La rivista scientifica Frammenti sulla Scena (online). Studi sul dramma antico frammentario è l'organo scientifico ufficiale del Centro Studi sul Teatro Classico dell'Università degli Studi di Torino.

La rivista accoglie contributi dedicati all'indagine degli aspetti letterari, linguistici, filologici, antropologici, filosofici, storico-archeologici e papirologici del dramma frammentario greco-latino e delle tradizioni teatrali minori del Mediterraneo, nonché studi relativi alla permanenza, alla fortuna e all'esegesi dei testi teatrali in epoca antica, tardoantica, bizantina e paleocristiana.

Lo scopo di questa rivista è pervenire, mediante l'apporto di tutte le discipline afferenti alle Scienze dell'antichità, a delineare una nuova visione di insieme del patrimonio letterario rappresentato dai testi drammatici pervenuti in forma frammentaria o noti per tradizione indiretta.

La rivista è pubblicata dal Centro Studi sul Teatro Classico; direttore scientifico prof. Francesco Carpanelli, direttore editoriale Luca Austa. 

I contributi pubblicati dalla rivista sono sottoposti a double-blind peer review e al vaglio definitivo del Comitato editoriale che ne attesta la validità nel rispetto degli standard internazionali di scientificità.

La rivista è pubblicata con cadenza annuale; i contributi inviati alla Redazione sono pubblicati (previo superamento della valutazione in doppio cieco) in due fascicoli (nei mesi di luglio e dicembre). Al termine dell'anno solare la Redazione allestisce il numero completo.

Processo di Peer Review

Tutti i contributi pervenuti saranno sottoposti a procedimento di double blind peer review nel rispetto degli standard internazionali di scientificità: in caso di parere positivo da parte di entrambi i reviewers (di cui uno selezionato tra i revisori e l'altro tra i membri del Comitato Scientifico), il contributo sarà ritenuto idoneo per la pubblicazione; nel caso in cui il parere dei revisori fosse discorde, la decisione spetterà al Direttore scientifico della rivista.
 
I revisori, il Comitato scientifico e la Redazione si impegnano a garantire, in fase di valutazione di ogni eleaborato, la più stretta imparzialità e riservatezza nel rispetto degli autori e del prodotto delle loro ricerche.
 
  • TEMPISTICA E ITER DI PUBBLICAZIONE
  1. Il contributo è inviato alla Redazione (secondo le specifiche indicate alla pagina Call for Papers raggiungibile tramite il menu principale).
  2. La Redazione verifica la conformità del contributo in rapporto all'indirizzo della rivista e alle norme editoriali (tempo massimo: 2 settimane). Se la Redazione ritiene il contributo conforme, punto 3; in caso contrario, la Redazione comunica all'autore le variazioni da apportare al contributo prima di sottoporlo nuovamente al giudizio della medesima (ripetizione del punto 1, tempo massimo: 1 settimana).
  3. Il contributo viene sottoposto alla revisione da parte di due reviewers (coperti da anonimato), i quali si impegnano a esprimere un giudizio secondo la modalità sopra indicata (tempo massimo: 4 settimane).
  4. L'autore riceve i referti della valutazione. Nel caso di giudizio concorde positivo, punto 5; in caso di giudizio concorde negativo il contributo è rifiutato, previa notifica motivata all'autore; in caso di pareri discordi, il giudizio dirimente è espresso dal Direttore scientifico (tempo massimo: 1 settimana).
  5. Se il contributo è accettato senza clausole, punto 6; se il contributo è accettato con l'imposizione di alcune variazioni/modifiche/approfondimenti, l'autore dovrà adoperarsi in tal senso e, infine, rinviare il contributo alla Redazione (tempo massimo: 4 settimane).
  6. La Redazione valuta l'effettivo soddisfacimento, da parte dell'autore, delle richieste espresse dai revisori (tempo massimo 2 settimane): se l'articolo è conforme, punto 7; se l'articolo non risulta conforme, la Redazione lo rinvia all'autore che ha a disposizione un'ulteriore settimana per apportare ulteriori modifiche e rinviare l'articolo alla Redazione. 
  7. La Redazione allestisce le prime bozze editoriali e le invia all'autore (tempo massimo: 2 settimane).
  8. L'autore segnala eventuali correzioni/variazioni/aggiunte da apportare alle bozze e rinvia il contributo alla Redazione (tempo massimo: 3 settimane).
  9. La redazione allestisce le seconde bozze editoriali (tempo massimo: 2 settimane).
  10. L'autore segnala eventuali correzioni/variazioni/aggiunte da apportare alle bozze e rinvia il contributo alla Redazione (tempo massimo: 2 settimane).
  11. La Redazione allestisce il documento definitivo e lo pubblica sul sito della rivista secondo la cadenza indicata nella sezione Frequenza di pubblicazione.
  12. Entro il 20 dicembre di ogni anno, la Redazione allestisce il volume complessivo con relativi numeri di pagina e indice.

Per qualsiasi chiarimento circa il processo di revisione contattare la Redazione (teatro.classico@unito.it).

Frequenza di pubblicazione

La rivista è pubblicata con cadenza annuale; i singoli contributi inviati alla Redazione sono pubblicati (previo superamento della valutazione in doppio cieco) nei mesi di agosto e dicembre di ciascun anno. Al termine dell'anno solare la Redazione allestirà il numero definitivo, corredato da un indice dei contenuti.

Open Access Policy

Questa rivista fornisce accesso aperto ai suoi contenuti, ritendendo che rendere le ricerche disponibili liberamente al pubblico migliori lo scambio della conoscenza a livello globale.

Creative Commons License

Frammenti sulla scena (online) è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Codice etico

Frammenti sulla scena (online)  si attiene ai migliori criteri di pubblicazione. La prevenzione di pratiche negligenti di pubblicazione è una delle responsabilità più importanti dei Direttori Editoriali e del Comitato di Redazione. Il Codice descrive le politiche atte a assicurare il trattamento etico di tutti coloro che partecipano ai processi di revisione e pubblicazione. Si consiglia al Direttore e ai Redattori di Frammenti sulla scena (online), ai Curatori, ai Revisori e gli Autori di studiare queste direttive e di rivolgere qualsiasi domanda o dubbio al gruppo direttivo e redazionale (teatro.classico@unito.it ).
Queste direttive si applicano a qualsiasi manoscritto presentato a Frammenti sulla Scena (online), e può esser rivisto in qualsiasi momento dal Direttore Responsabile e dai Direttori Editoriali. I seguenti doveri, indicati per direttori e redattori, autori e revisori si basano sul Code of Conduct and Best Practice Guidelines for Journal Editors (versione più recente 2011).
 

  • Doveri del Direttore responsabile e del Curatore/i

 
Il Direttore, o i Direttori, e il Curatore sono responsabili del contenuto della rivista e tenuti a assicurare l’integrità di qualsiasi lavoro vi venga pubblicato.
 
-Decisioni per la Pubblicazione: I Direttori/Curatori hanno il diritto di decisione definitiva sull’accettazione o il rifiuto di un manoscritto, a seconda della rilevanza, originalità e chiarezza del manoscritto e alla sua rilevanza per la rivista.
-Revisione dei Manoscritti: Frammenti sulla scena (online) pratica un processo di revisione in doppio cieco, nel quale gli Autori non conoscono i Revisori e viceversa. E’ responsabilità dei Direttori/Curatori assicurare revisioni tempestive, indipendenti e anonime a carico di revisori qualificati che non abbiano conflitti di interesse squalificanti per qualsiasi manoscritto presentato alla rivista. E’ responsabilità dei Direttori/Curatori assicurare che la rivista abbia accesso a un numero adeguato di revisori competenti. I revisori verranno indicati sulla rivista alla fine di ogni anno. La lista dei revisori è pubblica, rintracciabile sul sito della rivista.
-Revisione imparziale: I Direttori/Curatori e il Comitato di Redazione devono assicurare che ogni manoscritto ricevuto da Frammenti sulla Scena (online) sia esaminato per il contenuto intellettuale, senza considerazioni di  sesso, genere, razza, religione, cittadinanza, ecc. degli autori.
-Riservatezza del materiale presentato: I Direttori/Curatori e il Comitato di Redazione dovranno garantire che siano usati sistemi atti ad assicurare la riservatezza e la protezione dall’abuso del materiale presentato alla rivista in corso di revisione, e dell’identità degli autori e dei revisori che dovranno prendere ogni provvedimento possibile per proteggere la riservatezza dell’identità di autori e revisori.
-Divulgazione: I Direttori/Curatori dovranno assicurare che i manoscritti presentati siano esaminati in modo riservato e che i contenuti non vengano divulgati ad altri che non siano l’autore e i revisori, come stabilito.
-Conflitti di interesse: I Direttori /Curatori dovranno rifiutare di considerare un manoscritto per il quale essi abbiano un reale o potenziale conflitto di interessi risultante da un rapporto o un collegamento finanziario, di competizione, collaborazione, o altro, con alcuno degli Autori, compagnie o istituzioni connessi con il manoscritto.
-Autorità: Il Direttore Responsabile e i Direttori Editoriali hanno l’autorità e la responsabilità decisiva della rivista. Il Direttore responsabile e i Direttori Editoriali dovranno rispettare le parti costituenti della rivista (Lettori, Autori, Revisori, Curatori, Comitato di Redazione) e adoperarsi per assicurare l’onestà e l’integrità dei contenuti della rivista e provvedere al continuo miglioramento della sua qualità.
 

  • I doveri dei Revisori

 
-Revisioni imparziali. I Revisori dovranno valutare i manoscritti in modo oggettivo, imparziale e professionale. I Revisori dovranno evitare pregiudizi personali nei commenti e nei giudizi e dovranno esprimere i loro pareri chiaramente, argomentandoli. I Revisori dovranno fornire revisioni giustificate e imparziali. Esse dovranno evitare gli attacchi personali e non dovranno includere alcun materiale diffamatorio, inaccurato, calunnioso, fuorviante, osceno, scandaloso, illegale, o discutibile in qualsiasi altro modo, o che violi il copyright, la privatezza o qualsiasi altro diritto di qualsiasi altra persona.
-Riservatezza: Le informazioni riguardo i manoscritti presentati dagli autori dovranno essere confidenziali e trattate come informazioni privilegiate. I Revisori non dovranno discutere del manoscritto con altri che non siano i Direttori/Curatori, né dovranno discutere qualsiasi informazione proveniente dal manoscritto senza permesso.
-Riconoscimento delle fonti: I Revisori dei manoscritti dovranno assicurarsi che gli autori abbiano riconosciuto tutte le fonti dei dati usati nella ricerca. Qualsiasi similarità o sovrapposizione del manoscritto in considerazione con qualsiasi altro articolo pubblicato di cui il revisore abbia conoscenza personale deve essere immediatamente comunicato ai Direttori/Curatori.
-Puntualità: nel caso un revisore pensi che non gli/le sia possibile completare la revisione del manoscritto entro il tempo prefissato, deve informarne i Direttori/Curatori, perché si possa mandare  il manoscritto a un altro revisore.
-Diritto di rinuncia: I Revisori dovranno rifiutare di revisionare manoscritti: a) nel caso in cui abbiano fornito all’Autore commenti sul manoscritto o su una versione ad esso precedente; b) nel caso in cui abbiano conflitti di interesse risultanti da relazioni o collegamenti di competizione, finanziari, istituzionali, personali, o altro, con qualsiasi compagnia, istituzione, o persona collegate ai manoscritti.
-Lagnanze: Ogni lagnanza riguardo la rivista dovrà, in prima istanza, essere diretta al Direttore Responsabile e ai Direttori Editoriali di Frammenti sulla Scena (online)
 

  • Doveri degli Autori

 
-Originalità: Gli Autori devono garantire che il loro lavoro non sia copiato, in alcuna parte, da altri lavori, né di propria produzione né di altri, che il lavoro sia originale e che non sia stato pubblicato in precedenza interamente o parzialmente. L’autore non dovrà presentare manoscritti (o manoscritti che descrivano lo stesso contenuto) a diverse riviste contemporaneamente.
-Autore dell’articolo: Come autore/i devono intendersi coloro che hanno dato un contributo significativo alla concezione, al disegno, all’esecuzione o interpretazione dello studio descritto. Coloro che hanno dato un contributo significativo devono essere indicati come coautori. L’autore deve assicurarsi che tutti i coautori abbiano confermato la versione finale dell’articolo e abbiano dato l’assenso alla pubblicazione finale.
Plagio e auto-plagio: Tutto il lavoro del manoscritto deve essere privo di plagio, falsificazione, falsi o omissioni di materiale significativo. Il plagio e l’auto-plagio costituiscono comportamenti editoriali non etici che sono inaccettabili. La rivista si riserva il diritto di valutare i casi di plagio e ridondanza di volta in volta.
-Riconoscimento delle fonti e conflitti di interesse: l’autore dovrà indicare esplicitamente tutte le fonti che hanno contribuito alla ricerca e dichiarare altresì qualsiasi conflitto di interesse.
-Accesso ai dati e conservazione: L’Autore dovrà fornire i dati grezzi connessi al manoscritto per la revisione redazionale e conservare i dati stessi.
-Puntualità. Gli autori dovranno essere solleciti nelle revisioni. Se un autore non riesce a rispettare la scadenza data, l’autore dovrà contattare il Curatore redazionale al più presto possibile perché si possa decidere se scegliere di accordare un lasso di tempo più lungo o se si debba ritirate l’articolo dal processo di revisione.
-Errori fondamentali in articoli pubblicati: L’Autore dovrà informare sollecitamente i Direttori/Curatori di qualsiasi ovvio errore nell’articolo pubblicato e cooperare seriamente con i Direttori nel ritirare o correggere l’articolo. Se il Direttore responsabile viene a sapere da altri, che non siano l’autore, che l’articolo pubblicato contiene un ovvio errore, l’autore dovrà scrivere una ritrattazione o fare la correzione basata sul media della pubblicazione.
 
Il Codice Etico si basa largamente sulla seguente fonte online, che è lettura raccomandata per le direttive etiche:
 
-COPE – Committe on Publication Ethics, 2011. Il Codice di comportamento e le direttive pratiche migliori per redattori di riviste.

Article Processing Charges (APC) e submission charges

Frammenti sulla scena (online) non richiede agli autori il pagamento di Article Processing Charges (APC) o submission charges.