Utilità clinica dei fattori di crescita nel plasma ricco di piastrine (PRP). Analisi dell'efficacia di differenti metodi di preparazione

Contenuto principale articolo

Veronica Cunsolo
Valentina Luti
Fiammetta Fossi
Chiara Grossini
Valentina Fulgido
Iacopo Cipollini
Alba Marzo
Riccardo Saccardi

Abstract

Introduzione e scopo


Nel corso degli ultimi anni l'impiego di emocomponenti ad uso non infusionale o non trasfusionale, come il concentrato piastrinico (o plasma ricco di piastrine – PRP), si è rapidamente allargato a varie applicazioni cliniche di diversi ambiti specialistici. Il PRP ha un'elevata concentrazione di piastrine che lo rendono funzionale ai processi di riparazione e rigenerazione dei tessuti lesi. Tali effetti dipendono dal fatto che nei granuli alfa delle piastrine sono presenti dei fattori di crescita, in grado non solo di stimolare la rigenerazione tessutale, ma, anche, di mettere in campo un'imponente risposta antinfiammatoria locale, chiamata chemiotassi. I principali fattori di crescita identificati che innescano e promuovono i processi di rigenerazione tessutale sono il TGF-β (Trasforming Growth Factor beta), il VEGF (Vascular Endothelial Growth Factor) e il PDGF (Platelet Derived Growth Factor).


Lo scopo di questo lavoro è quello di confrontare i parametri caratteristici degli emocomponenti ad uso non infusionale ottenuti con le diverse possibili modalità di preparazione, al fine di poter individuare quale sia quella in grado di garantire, ai pazienti trattati, il miglior effetto terapeutico, in termini di efficacia e durevolezza.


Materiali e metodi


La tipologia di emocomponente ad uso non infusionale da preparare, per il trattamento dei pazienti, viene scelta dal medico trasfusionista, in base alle loro caratteristiche cliniche, quali età, accessi venosi e patologie concomitanti, scegliendo tra il PRP da Sistema Dedicato (PRP-SD), il PRP da aferesi (PRP-AFE), il PRP omologo (PRP-OMO) e la Leuco-plasma-piastrinoaferesi (L-PRP).


Risultati


Su tutti i pazienti trattati con il PRP è stato eseguito l'emocromo di controllo prima del prelievo e, successivamente, sull'emocomponente. I risultati ottenuti sono stati, quindi, confrontati con i dati riportati in letteratura, al fine di identificare il metodo di preparazione del PRP più efficace, in termini di resa piastrinica e di leucociti.


Conclusioni


I dati presenti in letteratura evidenziano che il numero di piastrine e leucociti, presenti nel PRP, influenza notevolmente l'outcome del paziente. Dal confronto dei risultati ottenuti si è osservata una certa variabilità del contenuto di piastrine e di leucociti nel PRP preparato con le diverse modalità di lavorazione. Tenendo conto, quindi, delle nuove evidenze scientifiche in materia, si può affermare che il PRP-SD sia l'emocomponente in grado di garantire il miglior effetto terapeutico, in termini di efficacia e durevolezza.


Parole chiave: PRP, Fattori di crescita, Piastrine, Leucociti.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili

Dettagli articolo

Sezione
Articoli

Riferimenti bibliografici

[1] Andrae J., Gallini R.,. Betsholtz C.: Role of platelet-derived growth factors in physiology and medicine. Genes Dev 2008; 22:1276-1312.
[2] Tsay RC, Vo J, Burke A,, Eisig SB, Lu HH, Landesberg R (2005) Differrential growth factor retension by platelet-rich plasma composites. J Oral Maxillofac Surg 63:521-528.
[3] Anitua E., Sånchez M., del Mar Zalduendo M., de la Fuente M., Prado R., Orive G., Andia 1.: Fibroblastic response to treatment with different preparations rich in growth factors. Cell Prolif 2009; 42: 162-170.
[4] Carmeliet P., Storkebaum E.: Vascular and neuronal effects of VEGF in the nervous system: implications for neurological disorders. Semin Cell Dev Biol 2002; 13:39-53.
[5] Borzini P, Mazzucco L: Platelet-rich plasma (PRP) and platelet derivatives for topical therapy. What is true from the biological view point? ISBT Science Series 2007; 2:272-281.
[6] Browning S.R., Weiser A.M., Woolf N., Golish R., SanGiovanni T.P., Scuderi G.J., Carballo C., Hanna L.S.: Platelet-rich plasma increases matrix metalloproteinases in cultures of human synovial fibroblasts. J Bone Joint Surg Am 2012; 94:1-7.
[7] Assirelli E., Filardo G, Mariani E, Kon E, Roffi A, Vaccaro F, Marcacci M, Facchini A, Pulsatelli L. Effect of two different preparations of platelet-rich plasma on synoviocytes. Knee surg sports traumatol arthrose. 2015; 9:2690-703.
[8] Barrientos S., Stojadinovic 0., Golinko M.S., Brem H., Tomic-Canic M.: Growth factors and cytokines in wound healing. Wound Repair. Regen 2008; 16:585-601.
[9] Haseeb A, Haqqi TM (2013) Immunophatogenesis of Osteoarthritis. Clin Immunol 146:185-196.
[10] Whitman, D. H; Berry, R. L.; Green, D. M. Platelet gel: An autologous alternative to fibrin glue with appli-cations in oral and maxillofacial surgery. J. Oral. Maxillofac. surg., 55:1294-9, 1997.
[11] Garcia-Martinez 0., Reyes-Botella C., Diaz-Rodriguez L., De Luna-Bertos E., RamosTorrecillas J., Val-lecillo-Capilla M.F., Ruiz C.: Effect of platelet-rich plasma on growth and antigenic profile of human osteo-blasts and its clinical impact. J Oral Maxillofac Surg 2012; 70:1558-1564.
[12] Borzini P., Mazzucco L.: Tissue regeneration and in-loco administration of platelet derivatives. Clinical outcome, heterogeneous products, heterogeneity of the effector mechanisms. Transfusion 2005; 35:1759-1767.
[13] Carter M.J., Fylling C.P., Parnell L.K.: Use of platelet rich plasma on wound healing:"a sistematic review and meta-analisys." Eplasty 2011; 11:38.
[14] DECRETO 2 novembre 2015 : Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emo-componenti.
[15] Cho H.S., Song I.H., Park S. Y., Sung M.C., Ahn M.W., Song K.E.: Individual variation in growth factor concentrations in platelet-rich plasma and its influence on human mesenchymal stem cells. Korean J Lab Med 2011; 31 :212-218.
[16] Drengk A., Zapf A., Stürmer E.K., Stürmer K.M., Frosch K.H.: Influence of platelet-rich plasma on chon-drogenic differentiation and proliferation of chondrocytes and mesenchymal stem cells. Cells Tissues Or-gans. 2009; 189:317-326.
[17] Graziani F., Ivanovski S., Cei S., Ducci F., Tonetti M., Gabriele M.: The in vitro effect of different concen-trations on osteoblasts and fibroblasts. Clin Oral Implants Res 2005; 17:212-219.
[18] Hilary J. Braun, Hyeon Joo Kim, Constance R. Chu, Jason L. Dragoo The effect of Platelet-Rich plasma formulation and blood products on human synoviocytes.
[19] Jackson S.P.: The growing complexity of platelet aggregation. Blood 2007; 109:5087-5095.
[20] Goldring MB, Otero M (2011) Inflammation in osteoarthritis. Curr Opin Rheumatol 23:471-478.
[21] Jurk K., Kehrel B.E.: Platelets: physiology and biochemistry. Semin Thromb Hemost 2005; 31:381-392.
[22] Macaulay l.c., Carr P., Gusnanto A., Ouwehand W.H., Fitzgerald D., Watkins N.A. Platelet genomics and proteomics in human health and disease. J Clin Invest 2005; 1 15:3370-3377.
[23] Park SI, Lee HR, Kim S, Ahn MW, Do SH (2012) Time sequential modulation in expression of growth factors from platelet-rich plasma (PRP) on the chondrocyte cultures. Moll Cell Biochem 361:9-17.
[24] Tschon M, Fini M, Giardino R, Filiardo G, Dallari D, Torricelli P, Martini L, Giavaresi G, Kon E, Maltarello MC, Nicolini A, Carpi A (2011) Lights and shadow concerning platelet products for muscoloskeletal regene-ration. Front Biosci (Elite Ed) 3:96-107.
[25] Werner S, Grose R.: Regulation of wound healing by growth factors and cytokines. Physiol Rev. 2003; 83:835-870.
[26] Cole BJ, Seroyer ST, Filiardo G, Bajaj S, Fortier LA (2010) Platelet-Rich Plasma: where are we now and where are we going? Sports Health 2:203-210.